Gita ad Annecy

Circa due anni fa ho prenotato insieme a mio marito e le nostre famiglie una gita giornaliera in pullman ad Annecy. Volevamo fare una gita di un giorno in una città che non avevamo ancora visitato  e guardando il catalogo dell’agenzia viaggio, Annecy ci ha subito ispirato.
E’ una cittadina francese posta al centro ovest della regione, è situata nella zona alpina (montagne della Savoia) ed è famosa principalmente per l’omonimo lago.

Prendiamo il pullman e in poche ore raggiungiamo la località, parcheggiamo e scendiamo. Abbiamo tutta la giornata libera fino a tardo pomeriggio. . . peccato che la giornata non è proprio favorevole dato che è nuvoloso, umido e ogni tanto piove.
Passeggiamo sulla sponda del lago fino ad attraversare la strada ed immetterci nel centro storico del paese.
Osserviamo i ristorantini vista lago . . . lo stile francese si vede già dalle tende e dalle sedie poste fuori dai locali.
Osserviamo il Palais de l’Isle al centro dell’isolotto e scattiamo qualche foto. Questo edificio è il simbolo di Annecy ed è un’antica prigione che risale al XII secolo . . . è veramente molto suggestivo vedere questo forte con il fiume che scorre tutt’intorno.

Oltrepassiamo il ponticello per ritrovarci nella piazza, visitiamo la chiesa di San Francesco di Sales, poi una volta usciti costeggiamo il fiume osservando il forte, curiosando i negozietti e passiamo sul bellissimo ponte Morens.
Ci sono un sacco di negozi che vendono prodotti tipici, panetterie e pasticcerie, ristoranti e bar.
Inoltre diamo inoltre un’occhiata ai mercatini dell’antiquariato sparsi per il paese per vedere i particolari oggetti che vendono.
E’ molto suggestivo girare tra le varie viuzze del paesino, ci sono degli scorci molto belli!!

Decidiamo poi di raggiungere il castello di Annecy che predomina il paese. Esso risale al XIII secolo ed era un’antica residenza dei conti di Ginevra e dei duchi di Genevois-Nemours, è stato poi ristrutturato ed ora è diventato un museo.

Giriamo ancora un po’ in queste stradine molto caratteristiche e poi andiamo a mangiare delle buonissime specialità savoiarde a “Le Petrin”.

Nel pomeriggio facciamo ancora un giro per le vie e guardiamo qualche negozio, assaggiandoci un dolcetto tipico del posto. Dato il brutto tempo, decidiamo di andare a berci qualcosa di caldo e scegliamo il “Cafe des Arts”, un bar pieno di dipinti e oggetti artistici molto carini.
Il tempo libero per girare è ormai finito, torniamo al parcheggio e riprendiamo il pullman per tornare a casa.
Visitare questa città è stata proprio una bella esperienza, una gita che consiglio a tutti di fare . . . abbiamo trascorso una giornata molto divertente (peccato un po’ troppo umida ) in una graziosa cittadina francese. Da non perdere!!

Written By
More from Cristina

Paese che vai, cibo che trovi

Oggi voglio parlarvi di cibo in viaggio. Noi italiani, amanti della buona...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.