Una passeggiata per Pordenone e dintorni

Oggi sul blog ospito due special guests molto simpatici che fanno parte dei miei amici virtuali, conosciuti su Instagram. Loro sono Christian ed Elena, autori del blog Insolito Tram Travel (magari qualcuno di voi li conosce già). In questo post ci porteranno a spasso per Pordenone facendoci scoprire le bellezze che possiede e dandoci inoltre qualche consiglio per visitare qualche località nei dintorni. Buona lettura!!

Cosa vedere a Pordenone e cosa fare nei dintorni

Pordenone è forse una delle città meno note d’Italia. Una di quelle città che quando vengono menzionate non fai altro che domandarti dove si trovi, dandoti poi una risposta che sarà quasi sicuramente errata. In effetti va anche detto che si trova in una delle regioni meno considerate d’Italia dal punto di vista artistico, culturale e paesaggistico. Eppure Pordenone, così come tutto il Friuli Venezia Giulia, hanno un sacco di peculiarità e posti da visitare e in questo articolo vorremmo portarvi con noi alla scoperta di alcuni di essi mostrandovi cosa fare e cosa vedere a Pordenone e dintorni.

pordenone

Cosa vedere a Pordenone

Pordenone, lo ammettiamo, non è assolutamente una città ricca di posti da vedere. I pochi punti d’interesse distano al massimo 5 minuti a piedi l’uno dall’altro e si snodano attorno ai due corsi principali: corso Vittorio Emanuele e corso Garibaldi. In essi ogni giorno si raduna la popolazione Pordenonese per fare “le vasche” (i pordenonesi dicono così quando vogliono andare a fare una passeggiata in centro).

I due viali sono fiancheggiati da palazzi antichi di diverse epoche che, sebbene non rappresentino un’attrazione pordenonese a tutto tondo, sono spesso oggetto di visite in occasione di mostre o eventi.
All’estremità meridionale dei viali si ergono invece le 2 perle della città: il municipio e il duomo romanico dedicato a San Marco.

campanile di Pordenone

A qualche passo di distanza dalla chiesa si trova il fiume Noncello che dà il nome alla città (Pordenone deriva da Portus Naonis, cioè porto sul Noncello). E’ attraversato dal celebre ponte di Adamo ed Eva nel quale si ergono le due statue di Giove e Giunone. Si, avete letto bene: nel ponte di Adamo ed Eva non vi sono le statue di Adamo ed Eva.

Attraversato il ponte arriverete infine alla chiesa della Santissima trinità, una chiesa a pianta ottagonale.

Poco distante dalla chiesa della Santissima si trova la chiesa a nostro avviso più bella della città: il santuario di Madonna delle Grazie.

Ripercorrendo invece i corsi nella direzione opposta c’è ancora un luogo da menzionare: Piazza XX Settembre. E’ la piazza principale di Pordenone, quella nella quale vengono fatti tutti gli eventi e nella quale si raduna la maggior parte delle persone. Al suo interno spicca il monumento ai caduti e, poco lontano, il teatro Verdi.

Cosa fare a Pordenone

Parlando di teatro Verdi non possiamo esimerci da menzionare Pordenonelegge, la fiera del libro che vede proprio nel teatro uno dei centri più importanti. Essa si tiene una volta all’anno e colora tutta la città di giallo, accogliendo migliaia di appassionati di letteratura, teatro, cinema e cultura in generale. Negli anni la rassegna ha raggiunto numeri notevoli e ha annoverato diversi premi nobel tra gli ospiti diventando una delle più grandi fiere di settore in Italia.

Altrettanto importanti, anche se più di nicchia, le giornate del cinema muto, un festival dedicato proprio al cinema muto che è il più importante al mondo.

Cosa vedere nei dintorni di Pordenone

A circa mezz’ora di distanza in automobile si possono raggiungere diversi punti di interesse nei dintorni di Pordenone adatti a qualunque tipo di viaggiatore. Di seguito ne riportiamo alcuni tra i più rappresentativi

  1. Il lago di Barcis
    Un grande e verde lago artificiale nel quale rifugiarsi nelle calde giornate estive, lontani dalla folla che, almeno per ora, ha risparmiato questa stupenda meta.
  2. Il borgo delle spose di Valvasone
    Valvasone è uno dei borghi più belli d’Italia. Contenuto ed accogliente Valvasone è un borgo medievale che merita di certo una visita, magari proprio in occasione della rievocazione storica, durante la quale migliaia di persone pullulano le sue viuzze. Non porterà via tanto tempo. Giusto il necessario per fare qualche bella foto.
  3. L’humus park
    L’humus park è una delle eccellenze della provincia di Pordenone ed è ubicato in corrispondenza del Palù del Livenza, uno dei pochi patrimoni dell’UNESCO che si possono trovare in regione. La sua peculiarità risiede nel fatto che diversi artisti hanno utilizzato elementi naturali per andare a creare installazioni artistiche.
  4. Vajont
    Per una visita maggiormente votata alla storia vi invitiamo a visitare l’enorme diga del Vajont, attualmente non utilizzato e attorno alla quale si consumò, nel 1963, al tragedia che vide la morte di 1917 persone.
  5. Piancavallo
    Un tempo tanto celebre quanto Cortina, il Piancavallo è una meta montana molto apprezzata dagli amanti dello sci. Ne raccomandiamo un giro, specialmente in inverno, per godere dei suoi stupendi paesaggi (come potete scorgere nella foto sottostante).
  6. La val d’arzino
    La Val d’arzino è meta pedemontana che si trova nella parte settentrionale della provincia di Pordenone. E’ caratterizzata da diversi corsi d’acqua, fiumi e cascate nei quali è possibile anche fare rafting!

Piancavallo Pordenone

Conclusioni

Come avete avuto modo di leggere le cose da fare e vedere a Pordenone, ma soprattutto nei suoi dintorni, sono molte ed apprezzabili da chiunque. Vogliamo quindi invitarvi al più presto a fare una visita nella nostra zona e ringraziamo di cuore Cristina per questo spazio che ci ha lasciato all’interno del suo blog!

N.B.: Questo articolo fa parte di un progetto chiamato: #aiutiamociadaiutarci, ideato appunto dai ragazzi di insolitotramtravel, nel quale vari travel blogger italiani si scambiano articoli per farsi conoscere nel mondo del web e instaurare nuove amicizie. Eh sì, Instagram a volte può essere molto proficuo per conoscere belle persone e dei buoni progetti a cui partecipare. Questo ne è l’esempio.

More from Cristina

Roma: 3 giorni alla scoperta della città eterna

Roma, la capitale del nostro splendido Paese, una città ricca di storia...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.