Capo Testa e il Faro

Il primo faro di cui vi voglio parlare si trova in Sardegna, più precisamente a Santa Teresa Gallura e sorge sul promontorio di Capo Testa, da cui prende il nome. Mi sono imbattuta in lui per caso, non sono andata direttamente a cercarlo.
L’anno scorso durante la vacanza a Santa Teresa Gallura, una mattina ci svegliamo e osserviamo il cielo… tutto nuvoloso. Decidiamo che la cosa migliore anziché andare in spiaggia è scegliere di andare a visitare qualcosa.

Decidiamo di visitare la penisola di Capo Testa, un sito proprio a picco sul mare ricco di bellissimi sentieri ed enormi rocce erose dal vento.
Appena oltrepassiamo i cancelli ammiriamo subito in lontananza il bellissimo faro che svetta sulla penisola.

Iniziamo la passeggiata per il sentiero principale e percorriamo tutto il tragitto ammirando la vegetazione e  il mare di un blu immenso. Passiamo nei piccoli sentieri scavati, molto probabilmente dai cinghiali, tra la vegetazione di mirto stando attenti perché punge (il mirto è onnipresente in Sardegna 🙂 ) … tutt’attorno massi enormi, tutti levigati dal vento e modellati con strane forme.

Dopo aver osservato i vari massi, il mare ed esserci arrampicati su scalette fatte di pietra per arrivare nei vari punti di avvistamento dove si può godere di uno spettacolo formidabile, arriviamo vicino al faro.

Il faro di Capo Testa è attivo dal 1845 ed è sempre stato molto importante per la navigazione nel tratto di mare delle Bocche di Bonifacio.

La struttura è a due piani con perimetro quadrato, sopra di essa vi è la torre. L’edificio è di colore bianco, alto complessivamente 23 metri.
Per le segnalazioni usa un sistema ottico con una portata di 17 miglia.
Ha inoltre una luce di emergenza con portata di 12 miglia, che viene utilizzata nel caso la principale subisca delle avarie.
Il faro è ancora utilizzato ma non visitabile, è possibile comunque passarci accanto per osservarlo, come abbiamo fatto noi.
Anche in questa zona si può vedere un panorama mozzafiato e osservare il sito di Capo Testa da un altro punto di vista.
Andate a visitarlo se siete a nord-ovest della Sardegna… è veramente interessante ed emozionante per l’immensità delle rocce e per il blu del mare che si può avvistare dal promontorio.
More from Cristina

8 giochi da tavolo da portare con sè in viaggio

Negli ultimi mesi ho riscoperto una mia passione che avevo col tempo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.