Ricordi USA a portata di mano

I ricordi fanno parte della nostra vita, li conserviamo nella nostra testa e nel nostro cuore.
Quasi sempre quando ripenso ad un viaggio che ho vissuto, i ricordi riaffiorano e mi fanno sorridere oltre che emozionare, mi piace ricordare tutto di un viaggio e, come vi ho detto più volte, questo è uno dei motivi per il quale ho deciso di aprire il mio blog.

Oltre ad essere una persona sognatrice e sentimentale, mi piace anche portarmi a casa qualche ricordo materiale di un luogo visitato.

In questo post voglio mostrarvi i souvenir che ho portato a casa dal mio viaggio negli Stati Uniti, non sono oggetti comprati ma sono cose che per me hanno un significato profondo dato che mi ricordano alcuni aneddoti vissuti durante uno dei viaggi più belli della mia vita.

Souvenir dalla West Coast

Il primo che vi mostro è la stupenda bottiglietta d’acqua in plastica “Natural Spring Water” che ho comprato a Sausalito, San Francisco. Abbiamo mangiato un delizioso panino da “Hamburgers” e comprato una bottiglietta d’acqua. Era troppo bella per buttarla e allora ce la siamo portata a casa, utilizzandola nel migliore dei modi: l’abbiamo riempita con la terra rossa presa nella Monument Valley. La terra l’avevamo raccolta durante il nostro pranzo con i navajo, un momento indescrivibile che mi rimarrà per sempre nel cuore.

Il secondo oggetto è la bottiglietta in vetro della famosa Route Beer 66, che di birra ha soltanto il nome. E’ una bevanda gassata, simile alla gazzosa, totalmente analcolica e secondo me anche un po’ nauseante dopo un paio di sorsi.
Se volete assaggiare questa bevanda (e secondo me fatelo perchè è un rito che fa parte di questo viaggio) potete comprarla nella stazione di servizio (ROY’s gasoline) ad Amboy nel deserto del Mojave per pochi dollari.

Il terzo oggetto che mi ricorda il tour West Coast USA è una lattina di birra “Dead Horse AMBER” presa in un ristorante a Moab. Questa graziosa lattina ha dovuto affrontare il lungo viaggio del rientro in valigia ed è infatti un bel po’ ammaccata, ma nella nostra collezione di ricordi ha comunque un posto di valore.

Souvenir da New York

Dal mio viaggio a New York mi sono portata a casa ricordi astratti come le insegne luminose sparse in tutta Manhattan, i cartelloni pubblicitari giganteschi di Times Square, gli odori che si sentono passeggiando lungo le strade e poi un piccolo souvenir di Starbucks. La Grande Mela è stracolma di questi locali e a forza di bere caffè americani rimpiangendo un po’ il nostro meraviglioso espresso abbiamo finito per “prenderlo in odio” (in senso scherzoso) questo marchio. Perciò per non dimenticarci di Starbucks abbiamo conservato e portato a casa con noi la bacchetta che serve per girare lo zucchero all’interno del caffè 🙂

La scatola portafoto in tema newyorkese

Infine una volta rientrati in Italia, prima di effettuare il cambio dei soldi, ci siamo tenuti un paio di dollari e le monetine che ci erano rimaste nel portafoglio, in modo da metterle tra gli oggetti ricordo di questa splendida vacanza.

Abbiamo così racchiuso queste monete insieme alle nostre tantissime fotografie stampate all’interno di una stupenda scatoletta con la scritta New York, che ci è stata regalata al nostro matrimonio.

Invece i veri ricordi, le risate e le emozioni che gli Stati Uniti ci hanno regalato, rimangono racchiusi nel nostro cuore dove nessuno può accedervi e vederli veramente. Quelli fanno parte del “nostro” viaggio, della nostra vita e coltivano il sogno di un ritorno negli USA.

Written By
More from Cristina

In viaggio con “Una Vita senza Latte”

Qualche mesetto fa ho avuto il piacere di conoscere una ragazza molto...
Read More