Costa Azzurra: itinerario di quattro giorni

Adoro la Francia, penso che abbia dei posti incredibilmente affascinanti. Visto che desideravamo visitare da un po’ la Costa Azzurra, in un lungo weekend di primavera ci siamo messi in viaggio verso questa stupenda costa. Un tour di quattro giorni, visitando località famose come Nizza, Cannes, Montecarlo e scoprendo borghi incantevoli.

La Costa Azzurra è famosa soprattutto per località come Nizza, Cannes, Montecarlo e Saint-Tropez, ma in verità possiede molti borghi e paesini poco conosciuti ma meravigliosi. Essendo poco il tempo a nostra disposizione abbiamo deciso di visitare in quattro giorni solo la parte orientale della riviera, escludendo perciò le spiagge di Saint-Tropez e dintorni.
Avevo sentito parlare benissimo della Costa Azzurra, ma quando abbiamo scelto l’itinerario e prenotato l’appartamento in cui avremmo soggiornato, non sapevo ancora che avrei lasciato, anche in questo posto, un pezzetto di cuore.
Oggi voglio raccontarvi il mio itinerario così che quando deciderete di visitare questi posti, saprete come muovervi. Noi abbiamo fatto un tour on the road di quattro giorni (totalmente fai da te), utilizzando la nostra auto.

Itinerario di 4 giorni in Costa Azzurra tra città famose, mare e borghi

Siamo partiti al mattino presto per raggiungere Roquebrune Cap Martin, il paese in cui abbiamo alloggiato per ben quattro giorni. Abbiamo prenotato un appartamento tramite Airbnb, ad un prezzo modesto, nel quale ci siamo trovati benissimo, comodo per raggiungere le mete che ci eravamo prefissati di vedere ma lontano dal caos delle grandi città.

Primo giorno: Roquebrune Cap Martin

Roquebrune Cap Martin è una piccola cittadina, totalmente residenziale, con ampie spiagge libere, molto ghiaiose e con scogli. Sicuramente un’ottima scelta per risiedere in un posto tranquillo e rilassarsi in spiaggia, senza però pretendere la limpidezza del mare e le spiagge sabbiose che si trovano solitamente a Juan Les Pins o a Saint-Tropez.

roquebrune cap martin spiaggia

Roquebrune ha un piccolo centro paese con una graziosa chiesetta, un ampio e comodo supermercato ed alcuni ristorantini in cui cenare alla sera. E’ proprio in questo paesino che abbiamo trascorso la prima giornata un po’ piovosa, sistemando i bagagli, facendo la spesa e passeggiando lungo mare.

roquebrune cap martin chiesa

Secondo giorno: Eze Village e Nizza

Il secondo giorno comincia con una bella colazione, prima di prendere l’auto dal garage e dirigerci a Eze Village.

Eze Village: un borgo di cui innamorarsi

Eze è un piccolo borgo posto tra Montecarlo e Nizza che vi lascerà senza parole talmente bello. Romanticissimo, panoramico e molto di nicchia. Appena metterete piede nelle sue stradine in pietra, ve ne innamorerete all’istante.

Dopo aver posteggiato l’auto, a pochi metri troviamo la ripida salita che ci porta al borgo. Un luogo incantevole, ricco di casette tipiche tutte fatte in pietra, scorci mozzafiato sul mare, una chiesetta, alcuni hotel di charme, atelier artistici e uno stupendo localino in cui degustare un aperitivo.

eze village

eze village

Per girare questo borgo bastano un paio d’ore. Noi purtroppo siamo rimasti poco per via della pioggia che ha iniziato a scendere e con un bimbo di un anno e mezzo non potevamo fare altro che scappare in macchina e partire così per la prossima tappa: Nizza.

Visitare Nizza in poco meno di un giorno

Arriviamo a Nizza a mattinata inoltrata e nella città c’è già parecchio traffico, decidiamo quindi di posteggiare l’auto in un silos abbastanza vicino al centro, al costo di 16 € fino a sera. Essendo una grande città e di conseguenza un po’ caotica per trovare parcheggio, il mio consiglio è di posteggiare in uno dei tanti silos a pochi metri dal centro città (inoltre sono anche sorvegliati).

Nizza è stata la città che ho preferito della Costa Azzurra. Iniziamo il giro della città da Avenue Jean Médecin nota per i negozi di famosi brand, al termine della strada ci ritroviamo nell’elegante Place Messena con gli stupendi palazzi ottocenteschi. Qui acquistiamo la calamita da portare a casa, simbolo di questo meraviglioso tour.

place massena nizza

Giriamo un po’ per le vie del centro fino a trovare il pranzo: quiche lorraine, piadina rigorosamente acquistata in un negozietto italiano e la torte au sucrette (tortina allo zucchero). Con il cibo tra le mani sgattaioliamo nel parco Promenade du Paillon, il polmone verde della città, dove tra una fontana e l’altra e stupendi prati verdi, ci sediamo su una panchina per pranzare. Un posto rilassante per i grandi e divertente per i piccoli perchè possono infatti trovare bellissimi giochi in legno e un sacco di spazio per correre.

Dopo pranzo ci spostiamo verso la Promenade des Anglais, una delle parte più note di Nizza e passeggiamo fino ad arrivare in cima alla strada e ammirare il panorama di tutta la costa. A pochi passi entriamo nella parte vecchia della città dove possiamo osservare le casette colorate nella piazza Marchè aux Fleurs e passeggiare tra le sue vie entrando in qualche negozietto per vedere i prodotti locali.

promenade des anglais nizza

marchè aux fleurs

Terzo giorno: Saint Paul de Vence e Cannes

Dopo aver fatto colazione e aver preparato lo zainetto per la giornata, ci mettiamo alla guida verso Saint Paul de Vence.

Saint Paul de Vence: un borgo in cui il tempo si è fermato

Saint Paul de Vence, considerato anche il “borgo degli artisti”, sa ammaliare con le sue casette in pietra, le botteghe che vendono oggetti tipici e gli atelier di artisti, le chiesette e i ristorantini.

saint paul de vence borgo

Dopo aver parcheggiato la macchina nell’ampio parcheggio coperto, ci incamminiamo verso la stupenda passeggiata di questo borgo in pietra. Scattiamo tantissime foto, addocchiamo le botteghe dagli stupendi oggetti fatti a mano che colorano le vetrine. Arriviamo fino in cima, il tempo di guardare il mare in lontananza e riprendere la passeggiata fino ad arrivare alla cappella des Pénitents Blancs.

Saint Paul de Vence è un borgo che mi ha emozionato, stupito e incantato. Dovete assolutamente inserirlo nel vostro tour in Costa Azzurra!!

saint paul de vence fontana

Cannes: non solo la città del cinema, molto di più

Dopo aver lasciato Saint Paul de Vence, ci rechiamo a Cannes. Una volta arrivati, posteggiamo la macchina in uno dei tanti silos (come nel caso di Nizza, è la soluzione migliore).

Nota per essere la città dove ogni anno si tiene il Festival del cinema, Cannes sa offrire scorci incantevoli, ampie spiagge e una suggestiva old town.

Boulevard de la Croisette, il viale che costeggia il lungomare, è diventata ormai passerella di star e divi internazionali.
In questo tratto di circa due chilometri sono presenti i negozi delle firme più prestigiose della moda e del lusso, oltre ad esserci il Palais de Festival, la location che ogni anno ospita, durante il mese di maggio, il Festival del Cinema.

cannes spiaggia

cannes carlton

Dopo aver pranzato velocemente con una baguette, decidiamo di rilassarci un po’ in spiaggia dove Teddy decide di andare verso il mare a bagnare i piedini. E’ primavera e il clima è di un caldino veramente confortevole.
Una volta lasciata la spiaggia, passeggiamo per Rue d’Antibes e Rue Meynadier, le vie ideali per chi ama fare shopping senza spendere troppo. Ve le consiglio perchè troverete tanti negozietti carini con marche famose low cost.

Dopo aver visto la parte più moderna di Cannes, saliamo fino a Le Suquet, la parte vecchia della città. Qui dopo una breve scarpinata possiamo trovare la Torre Medievale alta 22 metri che domina tutta la città e la chiesa gotica Notre Dame de l’Esperance, nella Place de la Castre. C’è un ottimo punto di avvistamento panoramico e proprio mentre siamo qui assistiamo addirittura ad un matrimonio.

notre dame cannes

Per chi lo desidera è possibile visitare il Museo de la Castre, ospitato all’interno del castello medievale, con opere e reperti storici di varie epoche e una vasta collezione di strumenti musicali.

Dopo aver visto anche la città vecchia, ritorniamo alla macchina e facciamo ritorno all’appartamento.

Quarto giorno: Montecarlo e Mentone

Montecarlo: dal Principato di Monaco alla pista di Formula 1

Ci svegliamo presto e ci dirigiamo alla stazione. Saliamo sul treno con direzione Montecarlo.

Una volta arrivati, passeggiamo un po’ fino ad arrivare ad una piazza resa colorata dalla merce esposta sulle bancarelle. Questo è il mercato delle erbe, che si tiene tutte le mattine e dove i cittadini acquistano verdura e frutta fresche.

mercato delle erbe montecarlo

Saliamo fino al Principato di Monaco per osservare il maestoso Palazzo dei Principi ed assistere al cambio della guardia. Passeggiamo per le viuzze tipiche comprando qualche souvenir fino ad arrivare al Giardino Esotico ricco di piante e fiori provenienti da tutto il mondo. Ci sediamo su una comoda panchina per rilassarci, osservando il mare e poi ci spostiamo sulla terrazza panoramica.
Proprio accanto ai giardini è presente uno stupendo Museo Oceanografico, la gioia dei più piccoli, nel quale si possono osservare e conoscere seimila specie diverse di animali marini.

montecarlo panorama

palazzo dei principi

Proprio al centro del principato osserviamo la Cattedrale dell’Immacolata Concezione dove all’interno sono presenti le tombe di Grace Kelly e del Principe Ranieri III.

Non credevo e invece Montecarlo mi ha affascinato, forse per via della sua completa diversità tra la parte vecchia e quella nuova, più moderna.
Una volta scesi dal Principato di Monaco, mi ha emozionato vedere la pista dove corrono le macchine di Formula 1. Ho visto tante volte da bambina il Gran Premio di Montecarlo in televisione con mio papà alla domenica pomeriggio. Inoltre ricordo bene il circuito perchè ho gareggiato molte volte in pista con il videogioco della Playstation.

monaco grand prix

Mentre siete in questa zona, vi consiglio di perdervi un po’ tra le vie e rimanere incantati dalle auto esposte nelle varie concessionarie, rimarrete a bocca aperta: tantissime Ferrari e Mc Laren!!

Inoltre piccola chicca: dirigetevi a Rue Princess Caroline ed entrate nella boulangerie-patisserie a fianco per comprare un dolcetto da gustare osservando questa deliziosa via.

rue princess caroline

Mentone: un paese dal tocco ligure

Arriviamo a Mentone nel pomeriggio, lasciando la macchina in un posteggio a pochi metri dalla stazione.

Ci dirigiamo subito sul lungomare, la Promenade du Soleil, dove passeggiamo baciati dal sole mentre osserviamo il mare e i tanti ristorantini dai profumi invitanti. I tavolini dei ristoranti sono situati proprio sul marciapiede della strada quindi immaginate che meraviglia mangiare lì assaporando il profumo di mare.
Proseguendo la passeggiata lungomare si incontra il Casinò Barrière.

promenade mentone

Proprio dietro il lungomare si trova la città vecchia, ricca di viuzze caratteristiche (che solo una città di mare sa offrire) con negozietti tipici francesi che vendono prodotti tipici. Percorriamo tutta Rue Saint-Michel fino ad arrivare alla splendida Place du Cap fino a sbucare sul porto.

Oltre ad osservare le barche che è sempre una mia grande passione, ci avviamo verso il bastione militare. Da qui saliamo la scaletta che attraverso una lunga passerella (completamente sicura anche per i bambini) con vista mare, ci porta allo splendido faro di Mentone.

Arrivati qui si ha una stupenda vista su tutto il paese, un panorama da togliere il fiato. Proprio quando avrete questa veduta davanti capirete quanto Mentone più che ad una città della Costa Azzurra, sembri più ad un paesino tipico della riviera ligure.

mentone porto

In questa città si conclude il nostro indimenticabile tour della Costa Azzurra orientale, ci manca ancora molto da vedere ma sono certa che torneremo presto in questi posti.

Visitare la Costa Azzurra con i bambini

Questo tour lo abbiamo affrontato quando Teddy aveva solamente un anno e mezzo. In Francia potete trovare supermercati contenenti alimenti molto simili ai nostri, perci0 tutte le vostre abitudini potete comodamente soddisfarle senza problemi.

Esistono molti spazi divertenti e sicuri per i bambini, soprattutto a Nizza. Ecco Nizza mi ha dato l’impressione di una città proprio a misura di bambino.

nizza parco giochi

Gli ampi spazi verdi in cui correre in tutta tranquillità, i localini in cui mangiare una piadina (a tutti i bambini piace), i giochi in cui trascorrere un po’ di tempo divertendosi e socializzando con bimbi di altre nazionalità. E poi ancora la lunghissima Promenade, le spiagge ed il mare.

La Costa Azzurra è la meta ideale per chi ama il mare, ma non vuole rinunciare a escursioni ed itinerari tra musei, borghi suggestivi e meravigliosi centri storici. Dopo aver letto il racconto e visto le foto, sono certa che avrete capito perchè questo tour mi è rimasto nel cuore.

 

More from Cristina

Stresa: una deliziosa giornata sul Lago Maggiore

Stresa, come molte altre cittadine sul Lago Maggiore, sono sempre ottime destinazioni...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.